PIANTE
DI ACQUA DOLCE TROPICALE


Nomenclatura binomiale
Cryptocoryne beckettii
Nome comune
Criptocorina di Beckett
Beckett's kryptokoryna
Dimensione
Altezza massima 8 / 12 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 22° / 30° C
Durezza: 5° / 25° dGh
PH: 6,5 / 7,5
Coltivazione e mantenimento in acquario
Pianta erbacea perenne, della famiglia delle Araceae; è originaria dello Sri Lanka; oramai è coltivata diffusamente per l'acquariologia.
Pianta bassa, da sistemare in primo piano, da sola o in gruppo; è molto decorativa e molto resistente, anche se coltivata completamente immersa; è adatta alla zona anteriore dell'acquario, anche se parzialmente ombreggiata dalle altre piante.
Pianta acaule, dotata cioè di un fusto con i nodi molto ravvicinati tanto che foglie sembrano nascere tutte dallo stesso punto, in modo da formare quella che comunemente è chiamata rosetta; direttamente dal colletto si sviluppano le foglie lanceolate, grandi, robuste, ad andamento sub-verticale; al di sotto del colletto si sviluppa un folto apparato radicale, con radici di un color biancastro; la lamina fogliare è liscia con i margini lisci e con le nervature, longitudinali, ben evidenti; il picciolo che sostiene le foglie è relativamente lungo.
Il picciolo è sempre di un color rosso mattone; la colorazione delle foglie varia in relazione all'illuminazione; in condizioni di poca luce la lamina superiore assume un colore verde chiaro mentre in condizioni di elevata illuminazione prende una colorazione tra il verde scuro ed il rossiccio; la lamina inferiore è più scura, di un colore variabile tra il verde ed il rossiccio-violaceo.
Pianta dalla vegetazione vivace; in condizioni ottimali cresce rapidamente, formando delle rosette di 20 / 25 cm di diametro e con 15 / 20 foglie ed anche di più; si propaga in continuazione per stoloni sotterranei, formando intorno a se un tappeto di piantine figlie.
In condizioni ambientali ottimali produce regolarmente dei fiori emersi, a forma di spadice, supportati da un lungo scapo; la spata è di un color bianco giallastro.
Si può effettuare la sua riproduzione staccando semplicemente le piantine avventizie, che si formano intorno alla base della pianta, insieme ad una porzione dello stolone e coltivandole separatamente.
Necessita di un'abbondante Fertilizzazione, effettuata soprattutto nei pressi dell'apparato radicale e non nella colonna d'acqua con la somministrazione di pasticche fertilizzanti a base di ferro bivalente chelato e manganese; preferisce ricevere un'illuminazione di media intensità ed un regolare apporto di CO2, effettuato mediante un apposito Diffusore di Anidride Carbonica; è poco esigente per i restanti valori dell'acqua che dovrebbe essere leggermente acida e con una durezza medio-bassa.
In mancanza di ferro bivalente o con una durezza troppo elevata potrebbero presentarsi, sulle foglie più vecchie, delle macchie circolari di un color giallo-marroncino (clorosi calcarea); in caso di una eccessiva durezza dell'acqua si potrebbero anche formare, sulle foglie, dei depositi calcarei, biancastri, da eliminare prontamente.
Molto indicata per tutti gli acquari tropicali di acqua dolce o per i paludari, anche per quelli di un neofita alle sue prime esperienze; la foglia, robusta, resiste anche ai quei pesci che strapazzano la vegetazione.

Aequidens Matae

Aequidens Tetramerus

Krobia Itanji

Krobia Guianensis

Amatitlania Kanna

Amatitlania Nigrofasciata
Indice delle Piante di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster