PESCI
MARINI TROPICALI




Nomenclatura binomiale
Scorpaenodes evides
Scorpaena littoralis, Scorpaenodes littoralis, Thysanichthys evides, Sebastella littoralis
Nome comune
Pesce scorpione maculato
Cheekspot scorpionfish, shore scorpionfish, skorpionsfisch, drachenkopf, イソカサゴ
Dimensione
Massima in natura 110 mm
In acquario 50 / 70 mm
Valori dell'acqua
Temperatura 28° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Scorpeniforme appartenente alla famiglia degli Scorpaenidae; è presente nell'Oceano Indiano e nell'Oceano Pacifico centro-occidentale: Somalia, Madagascar, Isole Seychelles, Isole Mauritius, Isole Maldive, Sumatra, Bali, Filippine, Isole Ryukyu, Grande Barriera Corallina, Nuova Caledonia, Isole Fiji, Isole Samoa, Isole Hawaii e Polinesia francese.
Presenta un corpo fusiforme molto allungato, a sezione ellittica; la testa è grande, con occhi molto grandi con intorno alcune spine suborbitali e lacrimali; la bocca, molto grande e protrattile, è posta nella testa in posizione sub terminale e leggermente rivolta verso l'alto; l'opercolo branchiale si estende dalla gola sin quasi al dorso separando quasi completamente la testa dal resto del corpo; sull'opercolo è presente una fila verticale di aculei rivolti verso la parte posteriore del pesce; il peduncolo caudale è molto tozzo, quasi indistinguibile dal resto del corpo; tutta la testa ed il corpo sono ricoperti da escrescenze carnose; sulla fronte sono presenti numerosi bargigli carnosi; la linea laterale è prominente e ben evidenziata da spine.
La pinna dorsale è sostenuta da 13 spine rigide e da 9 raggi molli; le prime 12 spine rigide sono parzialmente collegate tra di loro dalla membrana interradiale e danno alla pinna un aspetto seghettato; le spine sono cave e poggiano direttamente su di una vescicola piena di ittiotossina, in modo che basta la pressione sulla spina per farla penetrare e contemparaneamente iniettare il veleno; in questo modo costituiscono una formidabile arma di difesa ed offesa, temibile anche per gli esseri umani; la pinna anale, sorretta da 3 spine rigide e 5 raggi molli, ha una forma rettangolare con il margine arrotondato; la pinna caudale ha una forma trapezoidale ed il margine molto arrotondato; notevoli sono le pinne pettorali, molto lunghe e dalla forma a raggera semicircolare con le spine della parte inferiore più spesse e trasformate in una sorta di zampette; le pinne ventrali hanno una forma trapezoidale con il margine molto arrotondato.
La livrea è molto mimetica e colorata; il colore base è il rosso acceso, marezzato da larghe chiazze, molto irregolari, di color crema e marrone; il bordo chiaro delle squame crea una specie di rete su tutto il fianco; le pinne pettorali sono chiare, bianche o turchesi, con i raggi tratteggiati di rosso.
Pesce molto colorato, ma non robusto quanto i suoi similari; relativamente socievole è adatto alla convivenza con suoi simili e con quasi tutti gli altri pesci di barriera, purchè di grossa taglia, ma lenti nell'alimentarsi.
Non necessita di una vasca particolarmente grande, in quanto, anche in nature, non nuota spesso nella colonna d'acqua posta al di sopra della barriera corallina ma preferisce tendere i suoi agguati nei pressi di una madrepora con la quale si mimetizza perfettamente.
Relativamente poco resistente alle malattie; soffre anche per concentrazioni eccessive di nitrati e fosfati e per valori bassi del PH; nel qual caso comincia a perdere brandelli di pelle e di muco.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori, è necessario che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un leggero flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
In natura si trova frequentemente entro crepe o buche presenti sulle barriere, coralline o rocciose; si nutre di piccoli pesci od invertebrati che ingoia in un solo boccone.
In acquario è molto difficile da ambientare; sarebbe meglio acquistare un esemplare già perfettamente acclimatato da un esperto negoziante; una volta acclimatato è carnivoro e necessita di una dieta molto particolare; possiamo somministrare quasi esclusivamente gamberetti, pesciolini e polpa di cozze surgelati, scongelati con un poco di acqua dell'acquario prima di essere somministrati; accetta molto raramente il Mangime Liofilizzato e quasi mai il mangime secco, in granuli.
Non è adatto per gli acquari abitati da pesci di piccola taglia o con piccoli invertebrati erranti in quanto finirebbe con il mangiarli; non deve neppure convivere con pesci veloci nel mangiare che potrebbero impedirgli di alimentarsi; è quindi consigliabile per un acquario di comunita, arredato con grossi invertebrati sessili, rocce vive e madrepore sterilizzate, popolato da grossi pesci lenti e tranquilli come la Cephalopholis polleni, l'Acanthurus lineatus ed il Pomacanthus navarchus.
Come tutti gli scorpenidi anche lo Scorpaenodes evides ha le spine dorsali che possono inoculare un potente veleno; è pertanto consigliabile maneggiarlo con attenzione ed effettuare con cautela la manutenzione della vasca; il primo e più importante trattamento, dopo un'eventuale puntura, è l'immersione della parte colpita in acqua calda, a circa 45 °C, perché l'aalta temperatura inattiva la tossina inoculata e riduce il dolore da essa provocato.

Acanthurus Lineatus

Pomacanthus Navarchus

Cephalopholis Polleni

Acropora Divaricata

Paragoniastrea Australiensis

Seriatopora Hystrix
Indice dei Pesci Marini Tropicali