PESCI
MARINI TROPICALI


Nomenclatura binomiale
Ogcocephalus darwini
Nome comune
Pesce pipistrello dalle labbra rosse
Galapagos batfish, red-lipped bat fish, pez murciélago labio rojo, Galapagos ranglefisk
Dimensione
Massima in natura 203 mm
In acquario 80 / 140 mm
Valori dell'acqua
Temperatura 26° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Stranissimo Batrachoidiforme appartenente alla famiglia degli Ogcocephalidae; è diffuso nell'Oceano Pacifico orientale; Isole Galapagos, Perù.
Presenta un corpo tozzo, di forma romboidale e molto compresso verticalmente, ricoperto da una pelle spessa, spinosa; la bocca, grande e protrattile, è in posizione sub-terminale ed è sormontata da una specie di corto rostro mobile che si erge tra gli occhi e che serve al pesce come esca per attirare ignare prede; tale rostro, che è in realtà il primo raggio della pinna dorsale, nei momenti di riposo si ritira in una apposita tasca situata sulla testa; il peduncolo caudale è sottile e ben distinto.
La pinna dorsale è nettamente divisa in due parti; la parte anteriore si è trasformata in una specie di rostro, ornato in cima da un ciuffetto di peli cheratinosi, e la prima spina, nuda e dotata di una appendice terminale, serve come richiamo; la seconda parte della pinna dorsale, sostenuta da soli 4 raggi molli, è quasi atrofizzata; analogamente la pinna anale, a sua volta sostenuta da soli 4 raggi molli, è ridotta ai minimi termini; notevoli sono invece le pinne pari, pettorali e ventrali; le prime, sostenute da un particolare sostegno osseo a forma di boomerang che le mantiene distanti dal corpo sono rivolte verso il davanti, robuste ed appiattite; le ventrali, poste stranamente più avanti delle pettorali, sono strette e robuste; entrambe le coppie vengono utilizzate dall'Ogcocephalus darwini, che è privo di vescica natatoria, come zampe per muoversi sul fondo; la pinna caudale, triangolare e dal margine arrotondato viene utilizzata solo per fare rapidi scatti seguiti da placide planate.
La livrea è di un color grigio o bruno chiaro, con grosse macchie irregolari di un colore più scuro; il colore non è costante e può rapidamente variare, mimeticamente, a secondo del fondo su cui si appoggia il pesce.
L' Ogcocephalus darwini è molto simile all'Ogcocephalus nasutus dal quale si riconosce per le labbra della bocca, di color rosso acceso invece che di color marroncino grigiastro.
Pesce relativamente robusto, adatto alla convivenza con i simili, con pesci di dimensioni maggiori ma tranquilli, che non entrano in competizione per il cibo, e con i grossi invertebrati sessili; non adatto alla convivenza con pesci i più piccoli di lui o con gli invertebrati erranti come crostacei, molluschi, echinodermi o briozoi.
Necessita di una vasca relativamente piccola, in proporzione alle sue dimensioni, in quanto non nuota assolutamente, poco arredata, con una ampia distesa di sabbia su cui camminare alla continua ricerca del cibo.
Abbastanza resistente alle malattie, soffre invece per i valori eccessivi di nitrati e fosfati e per il valore basso del PH, nel qual caso comincia a perdere i colori.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori è indispensabile che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un forte flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
Difficile da ambientare, può tranquillamente lasciarsi morire di inedia; sarebbe consigliabile acquistare esemplari già perfettamente acclimatati da un esperto negoziante; una volta ben ambientato è carnivoro, si nutre solo di grossi bocconi, pezzi di pescetti surgelati, gamberetti o di polpa di cozze che devono essere avvicinati alla sua bocca con un'apposita pinza.
Poco adatto ad un neofita è consigliabile per un acquariofilo esperto.

Ogcocephalus Corniger

Ogcocephalus Nasutus

Histrio Histrio

Acropora Cervicornis

Diploria Labyrinthiformis

Favia Fragrum
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster