PESCI
MARINI TROPICALI

Nomenclatura binomiale
Myripristis murdjan
Holocentrum melanophrys, Myripristis axillaris, Myripristis bowditchae, Ostichthys murdjan, Ostichthys parvidens, Perca murdjan, Sciaena murdjan
Nome comune
Pesce scoiattolo rosso
Pinecone soldierfish, blotcheye soldierfish, crimson soldierfish, marignan pomme de pin, rouget à oeillères, candil ojo manchado, candil piñon, soldado pinhão, roter soldatenfisch, weißsaum-soldatenfisch, storøjet soldaterfisk, valgekant-reameeskala, pыба-солдат kрасная, ヨゴレマツカサ
Dimensione
Massima in natura 60 cm
In acquario 10 / 18 cm
Valori dell'acqua
Temperatura 28° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Splendido Beryciforme appartenente alla famiglia dei Holocentridae; è presente in tutto l'Oceano Indiano e nell'Oceano Pacifico: Mar Rosso, Isole Seychelles, Mauritius, Borneo, Sumatra, Giava, Grande Barriera Corallina, Filippine, Isole Marchesi, Isole Tuamotu, Isole Hawaii, California, Messico, Equador.
Presenta un corpo fusiforme, molto allungato ed un poco schiacciato sui fianchi; la testa è grossa, appuntita ed occupa tutta la parte anteriore del pesce; gli occhi sono molto grandi e leggermente sporgenti; la bocca, in posizione terminale, è grande, con le labbra carnose, protrattile e leggermente rivolta verso l'alto; l'opercolo branchiale è dotato di un pre-opercolo articolato; le singole squame sono dotate di piccoli aculei; il peduncolo caudale è ben distinto, lungo e sottile.
La pinna dorsale è nettamente divisa in due parti; la parte anteriore, sostenuta da 10 spine rigide, può essere inarcata ed allora ha una forma a dosso, oppure coricata sul dorso; la parte posteriore della pinna dorsale, sostenuta da una spina rigida e da 13 / 15 raggi molli, ha una forma a triangolo con il margine posteriore verticale ed un piccolo lobo posteriore dal margine arrotondato; la pinna anale, sostenuta a sua volta da 4 spine rigide e da 11 / 14 raggi molli, è simmetrica alla seconda parte della pinna dorsale; la pinna caudale ha il margine bilobato con gli apici arrotondati; le pinne pettorali, trapezoidali, hanno il margine obliquo con gli apici appena arrotondati mentre le pinne ventrali, triangolari hanno un margine fortemente arrotondato.
La livrea è di un bel colore rosa o rosso arancio con sfumature più chiare, quasi gialle, nella parte centrale del fianco; sul fianco, tranne che sulla testa, il bordo scuro delle squame crea un disegno a rombi intrecciati; l'occhio è attraversato da una riga verticale nera mentre la parte superiore dell'opercolo branchiale è sottolineata da un'altra riga nera; i margini anteriori della seconda parte della pinna dorsale, della pinna anale, della caudale e delle pinne ventrali sono rossi, bordati da una sottile riga chiara, bianca o turchese, che termina con un punto nero.
La livrea è molto simile a quella del Myripristis vittata e del Myripristis violacea; dal primo si riconosce per la mancanza della banda bianca sulla margine superiore della prima parte della pinna dorsale e del bordo nero dell'opercolo branchiale; dal secondo si riconosce per il colore arancione più brillante.
Pesce di abitudini crepuscolari e notturne, con la luce tende a spaventarsi facilmente; quindi esige una vasca con le luci non troppo intense, riccamente arredata con rocce vive, invertebrati sessili e madrepore sterilizzate sistemati per formare anfratti e grotte, in quanto non nuota volentieri nella colonna d'acqua al di sopra della barriera corallina, ma preferisce rimanere nascosto tra le madrepore.
Pesce robusto, abbastanza resistente alle malattie ed abbastanza vivace e pacifico, è adatto alla convivenza con quasi tutti i pesci di barriera delle altre razze, purchè non molto piccoli, e con grossi invertebrati sessili; assolutamente non adatto agli acquari con invertebrati erranti, come gamberetti, molluschi, policheti, echinodermi.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori è indispensabile che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un forte flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
In natura si nutre di piccoli crostacei, uova e larve di pesce, molluschi, briozoi, policheti, echinodermi; in acquario è inizialmente molto pauroso e restio ad ambientarsi; una volta acclimatato è carnivoro ma rimane sempre pauroso; predilige il mangime surgelato, scongelato con un poco di acqua dell'acquario prima della somministrazione: Artemia salina, Chironomus, Mysis, se il nostro ospite è di grandi dimensioni possiamo somministrare anche polpa di cozza, gamberetti e pesciolini; accetta anche il Mangime Liofilizzato e quello secco, in granuli o in fiocchi.
In definitiva è un pesce abbastanza consigliabile per chi inizia a tenere un acquario marino tropicale.

Myripristis Vittata

Myripristis Violacea

Sargocentron Spiniferum

Acropora Filiformis

Dipsastraea Truncata

Paragoniastrea Australiensis
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster