PESCI
MARINI TROPICALI



Nomenclatura binomiale
Lutjanus sebae
Genyoroge regia, Diacope civis, Diacope sebae, Diacope siamensis
Nome comune
Lutiano imperiale
Emperor red snapper, vivaneau bourgeois, empereur rouge, pargo imperial, kaiser-schnapper, Луциан императорский красный, センネンダイ
Dimensione
Massima in natura 116 cm
In acquario 10 / 24 cm
Valori dell'acqua
Temperatura 24° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Grosso perciforme della famiglia dei Lutjanidae; è diffuso nell'Oceano Indiano e nell'Oceano Pacifico occidentale; Golfo di Aden, Somalia, Mozambico, Madagascar, Isole Mauritius, Isole Seychelles, Isole Maldive, Sri Lanka, Giava, Borneo, Sulawesi, Bali, Filippine, Taiwan, Isole Ryukyu.
Presenta un corpo grosso, robusto, dalla sezione triangolare, decisamente compresso lateralmente; la schiena leggermente inarcata e la fronte spiovente gli fanno assumere una forma curiosa da ferro da stiro; la bocca, molto grossa, larga e con le labbra carnose è in posizione quasi ventrale; la bocca è armata da numerosi denti di piccole dimensioni ma molto appuntiti; il peduncolo caudale è grosso e ben distinto.
La pinna dorsale risulta divisa in due parti da una profonda insellatura; la prima parte, sorretta da 4 spine rigide, parzialmente divise le une dalle altre può essere inarcata o portata appoggiata al dorso, la seconda parte, sostenuta da 7 spine rigide, più corte delle prime, e da 15 o 16 raggi molli non può essere abbattuta e termina con un lobo posteriore molto allungato e dal margine appuntito; la pinna anale ha 3 spine rigide più lunghe e 10 raggi molli più corti e termina con un lobo posteriore dal lungo apice appuntito; le pinne pettorali, dalla forma triangolare, sono lunghe e strette mentre le pinne ventrali, di forma ovale, sono molto lunghe e larghe; la pinna caudale presenta due lobi appena accennati dotati di apici arrotondati.
La livrea del Lutjanus sebae è molto colorata ed appariscente; il colore di base del corpo e delle pinne è il marrone rossiccio, sul corpo sono disegnate tre grosse bande di color bianco latte; la prima di queste barre, leggermente triangolare, dall'attaccatura della pinna dorsale arriva sino a tutta la gola, passando dietro l'occhio e su parte della bocca; la seconda, a forma di "C" parte dall'insellatura della pinna dorsale ed arriva all'apice della pinna anale; la terza, a forma di "L" coricata, parte dall'apice della pinna dorsale ed arriva a metà della pinna caudale; sulla fronte è presente un'ulteriore sottile barra bianca e, a volte, vi è anche una macchia bianca o turchese sull'apice superiore della pinna caudale; le pinne pettorali sono semitrasparenti con riflessi rossicci.
Pesce relativamente pacifico, convive facilmente con altri grossi pesci di barriera, ma a causa della grandezza della sua bocca, non con quelli più piccoli o con gli invertebrati erranti, molluschi, crostacei, policheti, che verrebbero prima o poi mangiati.
Molto robusto e resistente alle malattie, ha solo bisogno di una vasca molto grande, anche in proporzione alle sue dimensioni, arredata con molte madrepore, disposte a formare nascondigli ed anfratti, e con molto spazio libero in quanto nuota volentieri nella colonna d'acqua al di sopra della barriera corallina; non richiede particolari attenzioni per quanto riguarda l'allevamento in acquario.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori è indispensabile che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un forte flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
Sia in natura che in acquario si nutre voracemente di tutto ciò che capita a tiro della sua grossa bocca.
Abbastanza difficile da ambientare perchè inizialmente è molto pauroso e si nutre con difficoltà ma una volta ben ambientato è carnivoro e, purtroppo, molto vorace; predilige il mangime surgelato, decongelato con un poco di acqua dell'acquario prima di essere somministrato: Artemia salina, Chironomus, Krill e Mysis; se il nostro ospite è di grandi dimensioni possiamo somministrare anche polpa di cozza, gamberetti o pesciolini surgelati; accetta anche il Mangime Liofilizzato o quello secco in grossi granuli.
Molto consigliabile per chi vuole un grosso pesce, colorato e robusto, da allevare con facilità e senza problemi, insieme ad altri pesci dalle medesime caratteristiche come, ad esempio, il Symphorichthys spirulus o la Cephalopholis urodeta, in ampi acquari arredati con grossi invertebrati sessili.

Lutjanus Kasmira

Cephalopholis Urodeta

Symphorichthys Spirulus

Caulastraea Curvata

Paragoniastrea Australiensis

Pocillopora Eydouxi
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster