PESCI
MARINI TROPICALI


Nomenclatura binomiale
Equetus lanceolatus
Eques americanus, Eques balteatus, Chaetodon lanceolatus
Nome comune
Pesce lancere
Jack-knifefish, lanceshaped ribbonfish, évêque couronné, payasito obispo, obispo listado, cavaleiro de bandoleira, cabeça de coco, wimpel ritterfisch, båndrytterfisk, vimpel-ratsurkala
Dimensione
Massima in natura 25 cm
In acquario 10 / 15 cm
Valori dell'acqua
Temperatura 26° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Grosso Perciforme della famiglia dei Sciaenidae; è diffuso nell'Oceano Atlantico occidentale, Golfo del Messico, Mar dei Caraibi, Florida, Cuba, Haiti, Giamaica, Porto Rico, Messico, Panama, Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname, Brasile.
Gli esemplari giovani differiscono in maniera considerevole dagli esemplari adulti sia per la livrea ma soprattutto per la conformazione del corpo e delle pinne; sono praticamente identici agli esemplari giovani dell'Equetus punctatus e molto simili agli esemplari giovani del Pareques acuminatus.
Gli esemplari adulti presentano un corpo fusiforme, molto allungato, con il ventre quasi piatto mentre il dorso è fortemente convesso; la testa, a forma di ogiva, è piccola e posta in basso; la bocca, dalle labbra sottili, è molto grande e protrattile; gli occhi sono grandi; il peduncolo caudale è lungo e sottile.
La pinna dorsale, sostenuta da 13 spine rigide e 47 / 55 raggi molli, è nettamente divisa in due parti; la parte anteriore, molto sviluppata in altezza, si erge sul dorso come un piccolo stendardo, la parte posteriore prosegue uniformemente sino al peduncolo caudale e termina con un lobo appena prolungato e con l'apice arrotondato; la pinna anale, sostenuta da 2 spine rigide e 16 raggi molli, ha una forma triangolare ed è posta molto indietro; la pinna caudale ha una forma romboidale allungata, quasi a punta di lancia; le pinne pettorali hanno una forma triangolare così come le pinne ventrali, più lunghe.
La livrea, molto simile a quella dell'Equetus puntatus, è molto particolare; il colore base è il bianco latte con leggere sfumature ocra; sul corpo sono presenti tre grosse bande scure, color marrone bruciato o nero; la prima di queste righe, più sottile, attraversa in diagonale la testa passando sopra l'occhio; la seconda, più spessa, bordata di bianco candido, e parallela alla prima, passa davanti all'attaccatura delle pinne pettorali e si prolunga sulla parte anteriore delle pinne ventrali; la terza, anch'essa bordata di bianco candido, ha una forma a "L", coricata verso il posteriore del pesce, parte dalla cima anteriore della pinna dorsale ed arriva sino alla fine della pinna caudale; le pinne pettorali e l'anale sono semitrasparenti.
Pesce molto grosso e relativamente pacifico, è adatto alla convivenza con i suoi simili e con quasi tutti i pesci di barriera delle altre razze purchè di maggiori dimensioni; convive bene con grossi invertebrati sessili ma non è assolutamente adatto a convivere con piccoli invertebrati erranti, crostacei, molluschi, echinodermi, in quanto se ne ciba molto volentieri.
Necessita di una vasca di medie o grandi dimensioni, arredata con molte madrepore e nascondigli in quanto non è un grande nuotatore ma preferisce nascondersi nelle vicinanze delle rocce o delle madrepore.
Poco resistente alle malattie; soffre anche per i valori bassi del PH e per eccessive concentrazioni di nitrati e fosfati, nel qual caso perde di vivacità e colore.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori è indispensabile che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un forte flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
Molto difficile da ambientare in quanto, inizialmente, è molto timido e molto pauroso; sarebbe consigliabile acquistare esemplari già perfettamente acclimatati da un esperto negoziante ed abituati all'alimentazione artificiale; inizialmente non dovrebbe essere tenuto con pesci svelti nel mangiare o con pesci aggressivi; una volta ben ambientato è carnivoro, predilige mangime surgelato, Artemia salina, Chironomus e Mysis, se i nostri ospiti sono di grandi dimensioni possiamo somministrare loro anche polpa di cozza, gamberetti o pesciolini; accetta difficilmente il Mangime Liofilizzato oppure il mangime secco.
In definitiva è da considerarsi un pesce adatto all'acquario di un esperto acquariofilo più che a quello di un neofita, preferibilmente arredato con rocce vive, grossi invertebrati sessili e madrepore sterilizzate, popolato da grossi pesci tranquilli.

Equetus Lanceolatus
Livrea Juvenile

Equetus Punctatus

Pareques Acuminatus

Acropora Cervicornis

Diploria Labyrinthiformis

Favia Fragrum
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster