PESCI
MARINI TROPICALI




Nomenclatura binomiale
Ecsenius midas
Nome comune
Bavosa dorata bavosa persiana
Persian blenny, lyretail blenny, golden blenny, blennie midas, goldener schleimfisch, midas-slimfisk, midase nobelimakala, Золотистый эксен, ハナダイギンポ
Dimensione
Massima in natura 13 cm
In acquario 2 / 4 cm
Valori dell'acqua
Temperatura 28° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Piccolo Perciforme appartenente alla famiglia dei Blenniidae; è presente nell'Oceano Indiano e nell'Oceano Pacifico, dalle coste dell'Africa orientale sino alle Isole Marchesi: Mar Rosso, Isole Mauritius, Isole Seychelles, Isole maldive, Indonesia, Isole Salomone, Isole Marchesi.
Presenta un corpo fusiforme, molto allungato, dalla sezione pressocchè cilindrica all'altezza della testa e quasi nastriforme all'altezza del peduncolo caudale; la testa è relativamente grossa, con la fronte quasi verticale, ed occupa tutta la parte anteriore del corpo; sulla fronte sono presenti due paia di appendici tubolari, spesso di dimensioni molto differenti; gli occhi, semitubercolati, sono molto grandi e posti sulla sommità del capo in posizione terminale; la bocca, grande, larga e con le labbra molto carnose, è posta molto in basso ed è dotata di numerosi piccoli denti conici, molto aguzzi; il corpo è privo di fiocchi e ricoperto da un'abbondante secrezione di muco vischioso; come tutti i blennidi è privo della vescica natatoria, motivo per cui si muove con piccoli balzi prodotti dalla spinta delle pinne pettorali, mentre i piccoli tratti di nuoto sono generati dai movimenti ondulatori di tutta parte posteriore del corpo.
La pinna dorsale, sostenuta da 13 o 14 spine rigide e da 19 / 21 raggi molli, si estende su gran parte del dorso ed è leggermente divisa in due parti simmetriche da una piccola concavità; la pinna anale, sorretta da 2 spine rigide e da 20 / 23 raggi molli, si estende uniformemente su gran parte del ventre; la pinna caudale, dalla forma trapezoidale, ha il bordo fortemente bilobato, con i margini appuntiti; le pinne pettorali, molto sviluppate e dalla forma trapezoidale, oltre che per effettuare fulminei scatti in avanti sono spesso usate come appoggio per aggrapparsi alla vegetazione; le pinne ventrali sono corte e sottili.
La livrea è molto colorata, di un color giallo uovo con marezzature di color rosa chiaro, presenti soprattutto sull'opercolo branchiale e sul dorso; la pinna dorsale e la pinna anale sono anch'esse gialle; sul margine distale della pinna dorsale è presente una leggera riga turchese; la pinna caudale ha i margini di color giallo canarino mentre la parte centrale semitrasparente; le altre pinne sono gialle o semi trasparenti; l'occhio è bordato da una sottile riga di un color azzurro cobalto.
Pesce abbastanza territoriale con i suoi simili e con pesci di pari stazza; convive abbastanza bene con gli invertebrati sessili; è adatto ad un acquario di piccole dimensioni, del tipo Mini Reef in compagnia di pesci pacifici leggermente più grandi come Amphiprion, Centropyge o Chromis.
Ama sostare affacciato all'imboccatura di un piccolo spiraglio tra le rocce che utilizza come tana, pronto a ghermire i piccoli crostacei che costituiscono, insieme alle alghe incrostanti, il suo alimento principale; grazie ai movimenti della parte posteriore può muoversi sia in avanti che all'indietro; necessita di vasche non particolarmente grandi ma molto ricche di rocce vive e di grossi invertebrati sessili.
Pesce abbastanza delicato per quanto riguarda le malattie, soffre per attacchi di Oodinium e di micosi della pelle; teme, inoltre, per il valore del PH basso e per concentrazioni elevate di nitrati e fosfati, nel qual caso perde di vivacità e di colore.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori è indispensabile che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un forte flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
Abbastanza difficile da ambientare, sarebbe consigliabile acquistare esemplari già acclimatati da un esperto negoziante; per mantenerlo in acquario occorre somministrare frequentemente piccole quantità di mangime surgelato come Artemia salina, Mysis, Chironomus; a volte accetta il Mangime Liofilizzato oppure quello secco in piccoli granuli o fiocchi.
Una curiosità: spesso, favorito dalla colorazione, si intrufola nei branchi di giovani esemplari di Pseudanthias squamipinnis, Pseudanthias huchtii o di Lepidozygus tapeinosomoa, imitandone il comportamento.
In definitiva è adatto ad un piccolo acquario di invertebrati di un appassionato neofita.

Ecsenius Stigmatura

Pseudanthias Huchtii

Pseudanthias Squamipinnis

Acropora Valida

Catalaphyllia Jardinei

Tubipora Musica
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster