PESCI
MARINI TROPICALI





Nomenclatura binomiale
Dascyllus trimaculatus
Dascyllus trimaculatum, Pomacentrus trimaculatus, Dascyllus axillaris, Dascyllus niger, Dascyllus unicolor, Pomacentrus nuchalis, Sparus nigricans
Nome comune
Damigella a tre punti
Threespot dascyllus, three-spot damselfish, domino noir, demoiselle à trois taches, donzela de tres pintas, dreifleck-preußenfisch, dreipunkt-preussenfisch, sort jomfrufisk, treprickig frökenfisk, Дасцилл tрехпятнистый, рыба-домино, ミツボシクロスズメダイ
Dimensione
Massima in natura 14 cm
In acquario 2 / 4 cm
Valori dell'acqua
Temperatura 28° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Perciforme appartenente alla famiglia dei Pomacentridae; è endemico in tutto l'Oceano Indiano ed in tutto l'Oceano Pacifico: Golfo di Aden, costa africana orientale, Madagascar, India, Sri Lanka, Grande Barriera Corallina, Sumatra, Giava, Borneo, Sulawesi, Isole Vanuatu, Isole Salomone.
Presenta un corpo breve, quasi quadrangolare e molto compresso lateralmente; la testa è piccola ed in posizione terminale, sovrastata da una fronte leggermente bombata; la bocca, dalle labbra carnose, è piccola ed armata di denti conici, piccoli ma aguzzi; il peduncolo caudale è piccolo ma ben distino.
La pinna dorsale, sostenuta da 12 spine rigide e da 14 / 16 raggi molli, è divisa nettamente in due zone e si estende su tutto il dorso, la prima parte, sostenuta dalle spine rigide, è molto alta verso l'anteriore del pesce e scende poi a degradare verso il posteriore; la seconda parte, sostenuta dai raggi molli si alza di nuovo e termina con un lungo lobo dal margine arrotondato; la prima spina rigida della pinna dorsale è separata dalle altre della pinna e può essere inarcata a piacere costituituendo una efficace arma di difesa; la pinna ventrale, sostenuta a sua volta da 2 spine rigide e da 12 / 14 raggi molli termina con un lungo lobo posteriore dal margine arrotondato; la pinna caudale, molto estesa, è impercettibilmente divisa in due lobi che hanno il margine appena arrotondato; le pinne pettorali sono piccole e triangolari; le pinne ventrali sono molto allungate e di forma trapezoidale.
La livrea degli esemplari giovani, molto particolare, è di un color nero vellutato, sul fianco il bordo più chiaro delle squame forma un delicato disegno, a rombi intrecciati, più chiaro; sul nero spiccano tre macchie chiare, di color bianco o turchese chiarissimo, la prima è posizionata sulla fronte, le altre due, una per fianco, sono poste al centro della schiena, appena sotto la pinna dorsale; la parte posteriore della pinna dorsale è semitrasparente.
La livrea degli esemplari adulti è di un color grigio argento con leggeri riflessi di color turchese, specialmente sulla testa; le macchie di color bianco tendono a schiarirsi ed a scomparire del tutto.
Pesce di piccole dimensioni, molto robusto, vivace e relativamente pacifico, è adatto alla convivenza con quasi tutti i pesci di barriera delle altre razze nonchè con gli invertebrati, sessili o no; tollera poco gli altri pomacentridi, verso i quali è molto aggressivo e territoriale; se si vuol tenere più individui insieme occorre inserire nella vasca anche uno o più grossi pesci vivaci, in modo che prevalga l'istinto difensivo del branco rispetto a quello territoriale del singolo individuo.
Inizialmente è molto timido e rimane rintanato nel primo rifugio che trova ma una volta ben ambientato è molto vivace ma non si allontana mai troppo dal rifugio prescelto, rappresentato spesso da un grosso invertebrato sessile, della famiglia delle Heteractis, che difende strenuamente, anche contro pesci molto più grossi di lui.
Caratteristica curiosa del suo comportamento è quella di digrignare i denti per impaurire l'avversario, emettendo un rumore ben udibile, anche al di fuori dell'acquario.
Necessita di una vasca di piccole dimensione, in quanto tende a rimanere nelle vicinanze dell'invertebrato eletto come rifugio.
Resistente alle malattie ed alle non perfette condizioni dell'acquario.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi colori è indispensabile che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 2 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia un forte flusso d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuto con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
In natura è un pesce carnivoro; predilige nutrirsi di zooplancton, piccoli invertebrati bentonici e alghe.
In acquario è un pesce onnivoro; predilige mangime surgelato, Artemia salina, Chironomus e Mysis, decongelati con un poco di acqua dell'acquario prima di essere somministrati; gradisce anche i Mangimi Liofilizzati e le apposite sfoglie di Alghe Liofilizzate; accetta anche mangime secco, in granuli di piccolo diametro o in fiocchi.
E', in definitiva, un pesce simpatico, robusto, economico, molto adatto agli acquari con invertebrati, anche del tipo Mini Reef, di un neofita alle sue prime esperienze, o per inaugurare un grande acquario di comunità appena allestito.

Dascyllus Melanurus

Dascyllus Aruanus

Dascyllus Carneus

Heteractis Magnifica

Heteractis Malu

Stichodactyla Mertensii
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster