PESCI
MARINI TROPICALI



Nomenclatura binomiale
Canthigaster jactator
Tropidichthys jactator
Nome comune
Pesce cofano hawaiano
Hawaiian whitespotted toby, blanc Hawaïen repéré toby, Hawaii-spitzkopfkugelfisch, helmipallokala
Dimensione
Massima in natura 90 mm
In acquario più piccolo 40 / 60 mm
Valori dell'acqua
Temperatura 28° / 30° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Piccolo Tetrodontiforme appartenente alla famiglia dei Canthigasterinae; presente nell'Oceano Pacifico centrale: Isole Hawaii, Isole Ryukyu, Isole Okinawa, Taiwan, Isole Batanes e Babuyan.
Presenta un corpo con la forma di un parallelepipedo, parzialmente ricoperto da una corazza ossea, tipico del genere; la bocca è piccola e posta in cima ad un muso conico ed allungato; i denti sono fusi insieme in quattro placche, situate due nella mascella superiore e due nella mandibola inferiore; gli occhi, molto mobili, leggermente peduncolati e sporgenti, sono posti molto in alto sul dorso; gli opercoli branchiali sono molto piccoli e situati appena sopra le pinne pettorali; il peduncolo caudale è quasi inesistente; la pelle è nuda e liscia, in caso di pericolo può emettere un muco velenosissimo, per fortuna è un caso assai raro in acquario.
La pinna dorsale, molto piccola ed a forma di ventaglio triangolare con il bordo arrotondato, non ha spine rigide ed è sorretta solo da 8 / 10 raggi molli; la pinna anale, a sua volta sostenuta solo da 9 o 10 raggi molli, è disposta simmetricamente alla pinna dorsale ed entrambe sono posizionate nella parte posteriore del corpo; entrambe queste due pinne hanno una grande mobilità e grazie al loro movimento ondulatorio il pesce può muoversi agevolmente in avanti e all'indietro; la pinna caudale a forma di ventaglio, viene quasi sempre portata chiusa, a mo' di pennello, e serve più da contrappeso che per la propulsione; le pinne pettorali hanno la forma di un ventaglio con il bordo arrotondato e servono soprattutto per mantenere l'assetto mentre sono assenti le pinne ventrali.
La pelle vicino alla cresta dorsale e ventrale, in caso di pericolo o durante l'esposizione territoriale tra i maschi, può essere gonfiata di acqua facendo assumere al pesce una curiosa forma romboidale.
La livrea è particolarmente colorata ed abbastanza simile a quella del Canthigaster punctatissima e del Canthigaster margaritata; il corpo è di un colore marroncino rossastro sul dorso che sfuma verso l'arancione in direzione della bocca, della coda e del ventre; su tutto il fianco sono presenti delle macchie regolari chiare, di color bianco o turchese mentre non è presente alcuna verminatura; l'occhio è cerchiato da un alone, di color verde o turchese; le pinne sono semitrasparenti ed il ventre è di color bianco o leggermente turchese.
Necessita di una vasca di piccole o medie dimensioni in quanto non è un grande nuotatore e preferisce nuotare nelle vicinanze delle madrepore, alla ricerca di qualcosa da sgranocchiare.
Molto resistente alle malattie, soffre solo raramente di attacchi di Oodinium o di micosi alla pelle.
Per il suo ottimale mantenimento in acquario e per mantenere i suoi splendidi colori è necessario che l'acquario in cui è ospitato sia dotato di un potente sistema di filtraggio, meglio se realizzato tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno 4 volte la capacità dell'acquario; sono anche molto importanti frequenti ed abbondanti cambi di acqua, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, e regolari aggiunte di Oligoelementi e Bioelementi.
Insieme all'ottima qualità dell'acqua, ottenuta con l'uso di Sali Marini sintetici di ottima qualità ed il cui costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, è molto consigliabile che all'interno dell'acquario ci sia una leggera corrente d'acqua, meglio se variabile nel tempo e proveniente da diverse direzioni, ottenuta con l'uso delle apposite Pompe di Movimento e di un programmatore.
Per mantenere questo nostro ospite in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta anche a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro biologico.
In natura è carnivoro: si nutre di spugne, alghe, detriti, tunicati, policheti, briozoi, ricci di mare, stelle serpentine, granchi, vermi policheti, gamberetti, zooantidi, pesci, anfipodi e foraminiferi.
E' molto difficile da ambientare in acquario, inizialmente è molto timido e si nutre con difficoltà; sarebbe quindi consigliabile acquistare un esemplare già ambientato da un esperto; una volta ben ambientato è onnivoro ma sempre molto lento nel mangiare; predilige mangime surgelato, Artemia salina, Chironomus e Mysis, che purtroppo raccoglie molto lentamente, ama anche sgranocchiare gamberetti o polpa di cozze; accetta anche Mangimi Liofilizzati o mangime secco in granuli; a volte gradisce una foglia di lattuga o una rotella di banana da sgranocchiare.
Pesce molto robusto ma territoriale, è adatto alla convivenza con quasi tutti i pesci di barriera delle altre razze ma non con esemplari della sua stessa specie; ogni maschio adulto ha un suo territorio, che difende costantemente, formato dai territori di più femmine; anche le femmine difendono il proprio territorio dalle altre femmine; è anche sconsigliato per un acquario con gli invertebrati in quanto li sbocconcella avidamente.
Una curiosa caratteristica di questo pesce consiste nel fatto che di notte dorme profondamente: non è raro vederlo infatti di notte, appeso per i denti ad un particolare dell'ambientazione o incastrato in un pertugio oppure attaccato con il ventre ad un vetro dell'acquario, tranquillamente addormentato.

Canthigaster Punctatissima

Canthigaster Margaritata

Canthigaster Compressa

Ctenochaetus Hawaiiensis

Rhinecanthus Aculeatus

Macropharyngodon Meleagris
Livrea Juvenile
Indice dei Pesci Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster