PESCI
DI ACQUA DOLCE TROPICALE


Nomenclatura binomiale
Thorichthys maculipinnis
Thorichthys ellioti, Astronotus maculipinnis, Cichlasoma ellioti, Heros maculipinnis
Nome comune
Bocca di fuoco messicano
Spotcheek cichlid, Chescla
Dimensione
Massima in natura 15 cm
In acquario 6 / 13 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 24° / 28° C
Durezza: 8° / 25° dGh
PH: 7 / 8
Allevamento e compatibilità in acquario
Splendido Perciforme appartenente alla famiglia dei Cichlidae; è originario della costa atlantica del Centro America: bacino imbrifero del Rio Papaloapán, nel Messico centrale; viene riprodotto ed allevato per l'acquariologia.
Presenta un corpo robusto, ovoidale, leggermente allungato e molto compresso lateralmente; il dorso è molto inarcato mentre il ventre lo è di meno; gli occhi sono relativamente grandi; davanti agli occhi vi sono 2 coppie di narici con funzione olfattiva; la testa è grande ed appuntita, raccordata da una fronte inclinata; la bocca, grande, protrattile e con le labbra carnose, è in posizione sub-terminale; l'opercolo branchiale è dotato di un preopercolo articolato e di un lembo inferiore (membrana branchiostega) che possono essere entrambi estroflessi; il peduncolo caudale, allungato, è ben visibile.
La pinna dorsale, di forma trapezoidale e molto estesa in altezza, è sostenuta da 15 o 16 spine rigide e da 9 raggi molli; i primi 4 raggi molli, molto più lunghi dei successivi ed anche delle spine rigide, formano un apice appuntito e rialzato che si prolunga in un lungo filamento; la pinna anale, trapezoidale, è sostenuta da 8 spine rigide e da 7 / 9 raggi molli; i primi 3 raggi molli, anche loro molto più lunghi dei successivi e delle spine rigide precedenti, formano un apice appuntito che si prolunga in un filamento; la pinna caudale, di forma trapezoidale, ha il margine dritto ed i due apici, molto appuntiti, che si prolungano in un corto filamento; le pinne ventrali, di forma triangolare, terminano con un lungo apice appuntito che supera il punto di inizio della pinna anale; le pinne pettorali, trapezoidali, hanno il margine appena arrotondato.
La livrea è molto colorata; il colore di base è un grigio ardesia mentre la parte anteriore del ventre è di un color arancione carico e quella posteriore di color turchese; sul fianco sono presenti 6 barre trasversale scure, di un color grigio antracite o nero, queste barre non sono sempre visibili oppure ne è visibile solo la parte mediana della terza che forma una macchia quasi nera al centro del fianco; sul margine dell'opercolo branchiale, all'altezza della pinna pettorale, è disegnato un grosso ocello nero, circondato da un alone bianco o giallo; la pinna dorsale, e quella anale sono di un color giallino / verde oliva, coperte da numerosi puntini di color turchese e con il margine distale ornato da una riga di color rosso acceso preceduta da un'altra riga di color turchese; la pinna caudale è di un color giallino / verde oliva, segnata da numerosi trattini longitudinali, di color turchese, e con il margine superiore e quello inferiore segnati da una sottile riga di color arancione; le pinne ventrali sono segnate da numerosi tratti longitudinali, di color turchese, mentre le pinne pettorali sono semi-trasparenti.
La popolazione degli affluenti meridionali del Rio Papaloapán presentano una colorazione più accesa e vivace nella zona ventrale rispetto a quelli degli affluenti settentrionali.
Vi sono poche differenze tra gli esemplari di sesso femminile e quelli di sesso maschile; quest'ultimi sono generalmente più grandi e presentano gli apici delle pinne dorsale ed anale più lunghi ed appuntiti; solo durante la deposizione si può notare che gli esemplari di sesso femminile hanno una papilla genitale corta e tozza, detta ovopositore, mentre quelli di sesso maschile ne hanno una più lunga e sottile.
Pesce molto robusto e longevo, purtroppo è abbastanza aggressivo, specialmente nel periodo della riproduzione; non è assolutamente adatto alla convivenza con pesci piccoli e pacifici; presenta anche una spiccata territorialità interspecifica.
La soluzione migliore è allevare una coppia in una vasca di medio-grandi dimensioni, con un fondale composto da grossi ciotoli, in quanto ha il vizio di smuovere continuamente il fondo e di rovinare le piante; è meglio inserire come arredamento soltanto piante molto robuste, grossi legni di torbiera e rocce; volendo si possono inserire uno o più grossi loricaridi corazzati come Platydoras armatulus, Panaque nigrolineatus, Panaque suttoni, Panaque armbrusteri, Hypostomus plecostomus, Hypostomus punctatus.
In natura è carnivoro; si nutre della microfauna bentonica, di insetti, vermi, crostacei, molluschi, uova ed avannotti di altri pesci ed inoltre anche di semplici detriti organici che filtra dopo aver preso bocconi di fondale; si nutre anche di alimenti vegetali ma solo in maniera casuale.
In acquario è praticamente onnivoro, preferisce mangime surgelato, artemia, chironomus, se di grossa taglia accetta anche polpa di cozze, pesciolini o gamberetti surgelati; è possibile somministrare anche mangime di origine vegetale come foglie di lattuga o rotelle di zucchina o di banana; accetta volentieri anche mangimi liofilizzati oppure mangimi secchi in grossi granuli o in scaglie; è consiglito somministrare mangimi studiati per intensificare i colori.
Abbastanza esigente per quanto riguarda le caratteristiche chimico-fisiche dell'acqua dell'acquario che devono rimanere molto stabili; dato il suo appetito smodato occorre dotare la vasca di un potente sistema di filtraggio e fare frequenti ed abbondanti cambi dell'acqua preceduti da un'accurata sifonatura del fondo; sono inoltre consigliati regolari trattamenti con ozono ed aggiunte settimanali di Oligoelementi e Bioelementi.
La riproduzione è possibile in una vasca appositamente dedicata, di media capacità, dotata di un potente filtraggio ed arredata con un poco di ghiaietto grossolano, rocce e legni di torbiera; è difficile scoprire il sesso di questi grossi pesci ma è comunque meglio far formare una coppia affiatata e, per quanto posibile, di pari stazza in un gruppo di 5 o 6 giovani esemplari.
Dopo intensi giochi d'amore, in cui entrambi i riproduttori mostrano i loro colori più belli, viene ripulito un sasso o un legno; la femmina depone sul substrato ripulito le uova adesive, di circa 2 mm di diametro e di color ambra, in fila semicircolari; il maschio immediatamente dopo le feconda; terminata la deposizione entrambi i genitori si alternano per ventilare le uova con le pinne pettorali e per scacciare eventuali intrusi.
Le uova si schiudono dopo circa 48 ore e le larve sono trasportate dai genitori in una piccola buca, scavata nel fondale, in cui rimangono per altri 4-5 giorni, fino a quando non sono in grado di nuotare liberamente; solo ora si possono somministrare naupli di artemia salina fatti appositamente dischiudere; i genitori seguono con attenzione i piccoli avannotti ancora per qualche settimana.
In definitiva è un pesce robusto, poco esigente e molto adatto all'acquario di un neofita alle sue prime esperienze.

Platydoras Armatulus

Panaque Nigrolineatus

Panaque Suttoni

Panaque Armbrusteri

Hypostomus Plecostomus

Hypostomus Punctatus
Indice dei Pesci di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster