PESCI
DI ACQUA DOLCE TROPICALE


Nomenclatura binomiale
Steatocranus casuarius
Steatocranus casuarinus
Nome comune
Ciclide testa di leone
African blockhead, humphead cichlid, lionhead cichlid, buckelkopfbuntbarsch, garbacz helmiasty, lejonhuvudcichlid
Dimensione
Massima in natura 10 cm
In acquario 4 / 10 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 24° / 28° C
Durezza: 5° / 25° dGh
PH: 6,5 / 8
Allevamento e compatibilità in acquario
Perciforme molto appariscente, appartenente alla famiglia dei Cichlidae; proveniente originariamente dall'Africa centro occidentale: palude di Malebo, in precedenza nota come palude di Stanley, e delta del fiume Congo, in entrambe le Repubbliche Congolesi; per la sua particolarità è allevato diffusamente per l'acquariologia in molte parti del mondo.
Presenta un corpo fusiforme, allungato ed abbastanza compresso lateralmente; la testa è grossa e camusa; l'occhio è relativamente piccoli; davanti agli occhi vi sono due narici a fossetta, con funzioni olfattive; la bocca, molto grande e con le labbra particolarmente carnose, è in posizione sub-terminale; l'opercolo branchiale è dotato di un pre-opercolo articolato e di un particolare apice, prolungato posteriormente; la linea laterale è divisa in due parti con quella anteriore, più lunga, leggermente arquata; il peduncolo caudale è corto e stretto.
La pinna dorsale, trapezoidale e sorretta da 19 / 21 spine rigide e da 7 o 8 raggi molli, si estende su quasi tutto il dorso e termina con un lobo dall'apice superiore molto sviluppato che si prolunga in un sottile filamento; le spine rigide sono parzialmente separate le une dalle altre e danno alla pinna un aspetto seghettata; la pinna caudale, a forma di delta, presenta il margine distale leggermente arrotondato; la pinna anale, trapezoidale e sorretta da 3 spine rigide e da 6 / 8 raggi molli, è stretta, allungata e termina con un piccolo filamento; sia le pinne ventrali, romboidali, che quelle pettorali, a forma di ventaglio, sono molto ravvicinate ed in posizione giugulare.
La livrea è molto particolare; sul corpo le squame hanno la parte centrale scura, di un color grigio piombo o azzurro cobalto, ed il bordo chiaro, giallo crema o giallo senape, in questo modo il colore sembra variare dalla tonalità chiara a quella scura a secondo del momento; le pinne sono semi-trasparenti con riflessi di color giallo crema o grigio piombo.
Vi sono notevoli differenze tra gli esemplari di sesso maschile rispetto a quelli di sesso femminile; i primi, più snelli ed allungati, sono più grandi e presentano una vistosa gibbosità sulla fronte, molto meno evidente nei secondi.
E' una specie di medie dimensioni, relativamente pacifica ma territoriale; è abbastanza adatta alla convivenza con pesci più piccoli.
Necessita di una vasca di media grandezza, arredata con poche piante robuste, molti legni e rocce per fare anfratti e nascondigli; non è particolarmente esigente per quanto riguarda i valori dell'acqua che deve essere solo ben filtrata ed ossigenata, meglio se tramite un Filtro Esterno pressurizzato, con la portata oraria di almeno tre volte la capacità dell'acquario; si consiglia anche di effettuare regolarmente dei cambi parziali preceduti da una scrupolosa sifonatura del fondo per raccogliere i residui più grandi.
Praticamente onnivoro; in natura su nutre di pinate, alghe e della piccola fauna che vi trova in mezzo; in acquario accetta qualsiasi tipo di mangime: preferisce chironomus surgelato o Mangime Liofilizzato ma accetta anche secco in granuli o in scaglie; gradisce anche del cibo vegetale fresco, come foglie di lattuga o rotelle di banana.
La riproduzione è molto facile, anche in un acquario di comunità; entrambi i genitori curano assiduamente le uova che vengono deposte all'interno di cavità, come ad esempio un vasetto di terracotta o una noce di cocco, aperta e svuotata.
Anche dopo la schiusa delle uova, che avviene dopo tre o quattro giorni, i genitori seguono i piccoli avannotti, affannandosi in intense cure parentali, proteggendoli dagli altri pesci e riparandoli entro grosse buche scavate nella sabbia del fondale.
Per i primi periodi di vita gli avannotti possono essere nutriti, più volte al giorno, con naupli di artemia salina fatti piovere con un tubicino sul branchetto.
E' un pesce molto consigliato per un acquario di comunità curato da un neofita senza grandi esperienze.

Anomalochromis Thomasi

Nanochromis Nudiceps

Nanochromis parilus

Pelvicachromis Pulcher

Pelvicachromis Subocellatus

Pelvicachromis Taeniatus
Indice dei Pesci di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster