PESCI
DI ACQUA DOLCE TROPICALE



Nomenclatura binomiale
Pethia conchonius 'Pinne a Velo'
Barbus conchonius, Puntius conchonius, Systomus pyropterus, Cyprinus conchonius
Nome comune
Barbo rosa pinne a velo
Rosy barb long fin
Dimensione
Massima in natura 14 cm
In acquario 6 / 10 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 20° / 26° C
Durezza: 5° / 20° dGh
PH: 6 / 7,5
Allevamento e compatibilità in acquario
Varietà di allevamento di un Cipriniforme di medie grandi dimensioni, appartenente alla famiglia dei Cyprinidae; la forma originaria è endemica nelle zone settentrionali del sub-continente indiano; dall' Afghanistan sino al Bangladesh; per la sua bellezza e per la facilità di allevamento è ormai cosmopolita, allevato ovunque nel mondo per l'acquariologia.
Presenta un corpo ovoidale, abbastanza allungato e leggermente compresso lateralmente; la testa è piccola, raccordata da una fronte decisamente convessa ed una gola quasi piatta; la bocca con le labbra carnose, è in posizione sub-terminale, leggermente orientata verso l'alto e priva di denti; all'interno della cavità orale sono presenti due ossa falciformi, dette denti faringei, munite di numerose protuberanze ossee adattate alla masticazione; il peduncolo caudale è ben distinto.
La pinna dorsale, dalla forma triangolare, è posta al centro del dorso e termina con un lungo lobo posteriore che spesso si corica sul fianco; la pinna anale, trapezoidale, è posta molto indietro sul ventre e termina con un lobo posteriore che sfiora il peduncolo caudale; la pinna anale, dalla larga forma a delta, ha il margine fortemente inciso e diviso in due lobi dagli apici appena arrotondati; le pinne ventrali, triangolari, sono poste in corrispondenza della pinna dorsale; le pinne pettorali, triangolari e con il margine arrotondato, sono poste ad un livello inferiore a quello della bocca; spesso le lunghe pinne hanno il margine sfrangiato.
La livrea presenta un evidente dimorfismo tra gli esemplari di sesso maschile e quelli di sesso femminile.
Gli esemplari di sesso femminile, sempre più grandi di quelli di sesso maschile, hanno la livrea di un color giallo oro; il bordo scuro delle squame crea su tutto il fianco una specie di mosaico; all'inizio del peduncolo caudale è presente un punto centrale di color nero; la pinna dorsale rossastra presenta una piccola macchia di color nero sull'apice superiore mentre le altre pinne sono semi-trasparenti con dei leggeri riflessi arancioni.
La livrea degli esemplari di sesso maschile è molto più colorata, il dorso è di un color giallo oro con dei riflessi verdastri mentre il fianco è di color rosa carico o arancione; il bordo scuro delle squame crea su tutto il fianco una specie di mosaico; all'inizio del peduncolo caudale è presente un punto centrale di color nero; le pinne sono di color rosa o arancione; la pinna dorsale presenta una piccola macchia di color nero sull'apice superiore.
Pesce molto vivace e socievole, deve vivere in branchi numerosi; è compatibile con i pesci di tutte le razze purchè di adeguate dimensioni.
A causa delle lunghe pinne è un cattivo nuotatore; ha bisogno di un acquario con rocce, legni di torbiera, molte piante robuste e spazio libero per nuotare; è consigliabile limitare il movimento dell'acqua all'interno dell'acquario.
Come molti altri ciprinidi è robusto e tollera la presenza di eventuali residui di sostanze organiche; preferisce un acqua relativamente pulita ed ossigenata; sono sempre consigliati regolari cambi dell'acqua preceduti da un'accurata sifonatura del fondo.
Onnivoro sia in natura che in acquario; accetta qualsiasi tipo di mangime sia surgelato e liofilizzato che mangime secco in scaglie o in granuli.
La riproduzione in acquario è relativamente facile, considerando le condizioni dell'acqua e le dimensioni degli esemplari adulti; non appena si vede, dal corteggiamento, che si è formata una coppia, occorre predisporre una apposita vasca, riempita con non più di 10 centimetri di acqua, presa preferibilmente dall'acquario, come arredamento basta qualche filo di Ceratophyllum Demersum; sul fondo va disposta una griglia a maglie sottili oppure uno strato delle apposite bilie di vetro per riparare le uova che, altrimenti, verrebbero mangiate dagli stessi genitori; come sistema di filtraggio basta un piccolo filtro con una spugna sintetica; i valori dell'acqua dovrebbero essere: temperatura intorno ai 24° / 26°, durezza 5° / 7° dGh ed il PH 6,5 / 7 .
Appena finita la deposizione, che avviene di solito alle prime luci dell'alba, vanno allontanati i genitori e cambiata gran parte dell'acqua; dopo 24 / 48 ore avviene la schiusa delle uova e dopo un giorno gli avannotti hanno riassorbito il sacco vitellino e nuotano liberamente; per la prima settimana potranno essere nutriti con infusori e rotiferi successivamente potranno essere somministrati naupli di artemia salina fatti dischiudere apposta; quando avranno raggiunto una dimensione di 2 / 3 cm potranno essere nutriti come gli adulti.

Pethia Conchonius

Pethia Nigrofasciata

Pethia Ticto

Desmopuntius Rhomboocellatus

Parambassis Ranga

Puntigrus Tetrazona
Indice dei Pesci di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster