PESCI
DI ACQUA DOLCE TROPICALE





Nomenclatura binomiale
Hypsophrys nematopus
Neetroplus nematopus
Nome comune
Ciclide del povero
Poor man's tropheus, neets
Dimensione
Massima in natura 14 cm
In acquario 7 / 12 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 24° / 28° C
Durezza: 8° / 20° dGh
PH: 7 / 8
Allevamento e compatibilità in acquario
Perciforme di medie dimensioni, appartenente alla famiglia dei Cichlidae; proviene originariamente dalla costa atlantica del Centro America: bacino imbrifero del fiume San Juan e dei laghi Xiloá, Masaya, Nicaragua e Managua in Nicaragua e Costa Rica; è comunemente allevato per l'acquariologia.
Presente un corpo ovoidale, allungato e molto compresso sui fianchi; sulla nuca è presente un leggero rigonfiamento; la testa è grossa ed appuntita; gli occhi sono relativamente piccoli e poco sporgenti; davanti agli occhi è presente una coppia di narici con funzione olfattiva; la bocca, piccola e con le labbra sottili, è posta in posizione sub-terminale; la bocca è dotata di denti a scalpello che sporgono dalle labbra mentre all'interno della cavità orale sono presenti due ulteriori mandibole faringee dotate di denti robusti; l'opercolo branchiale è dotato di un preopercolo articolato; il peduncolo caudale è stretto ed allungato.
La pinna dorsale, di forma trapezoidale e sostenuta da 18 o 19 spine rigide e da 9 o 10 raggi molli, si estende su quasi tutto il dorso e termina con un lobo posteriore dall'apice allungato ed appuntito che si prolunga in un lungo filamento; la pinna anale, trapezoidale e sostenuta a sua volta da 7 o 8 spine rigide e da 6 o 7 raggi molli, si estende dall'ano al peduncolo caudale e termina con un lobo posteriore dall'apice appuntito; la pinna caudale, dalla larga forma trapezoidale, ha il margine posteriore leggermente inciso ed appena diviso in due lobi dagli apici arrotondati; le pinne ventrali, triangolari sono molto allungate e terminano con un apice appuntito che si prolunga in un lungo filamento; le pinne pettorali, trapezoidali, sono larghe e con il margine obliquo e leggermente arrotondato.
La livrea è molto particolare; normalmente è di un grigio piombo molto chiaro, con una banda trasversale scura posta poco oltre la metà del fianco; le pinne sono solo leggermewnte più scure; durante la riproduzione la livrea cambia completamente e diventa di un color azzurro cobalto, molto carico mentre la fascia trasversale diviene di un color grigio argento.
Non vi sono apparenti differenze tra gli esemplari di sesso maschile e quelli di sesso femminile; quest'ultimi sono solo leggermente più piccoli.
Pesce di medie dimensioni, molto aggressivo e territoriale, specialmente durante la riproduzione; non esita ad attaccare pesci più grandi di lui; la soluzione migliore consiste nell'allevare una coppia in una vasca a loro dedicata.
Necessita di una vasca di medio-grandi dimensioni, con poche piante molto robuste, come Microsorum pteropus oppure Anubias barteri, legni e rocce per fare nascondigli; non è particolarmente esigente per quanto riguarda i restanti valori dell'acqua che deve essere solo ben filtrata ed ossigenata; è consigliato effettuare dei regolari cambi parziali dell'acqua preceduti da una sifonatura del fondo; sono consigliate aggiunte settimanali di Oligoelementi e Bioelementi.
E' un pesce erbivoro; in natura si nutre principalmente delle alghe incrostanti che crescono sulle rocce e della microfauna che vi si trova in mezzo; va in cerca anche di vermi, larve di insetti ed avannotti di pesci; in acquario è praticamente onnivoro: non bisogna fargli mancare dei vegetali freschi come foglie di lattuga, rotelle di banana o di zucchina, spinaci appena sbollentati; accetta anche qualsiasi tipo di mangime sia surgelato, gradisce in modo speciale i chironomus, che liofilizzato che secco in granuli o in scaglie.
Una curiosità interessante su questo pesce consiste nel fatto che in natura è un grande predatore degli avannotti di Hypsophrys nicaraguensis, specie che condivide lo stesso habitat; si è notato che gli Hypsophrys nicaraguensis difendono le larve del Parachromis dovii, il principale predatore del Hypsophrys nematopus adulto; si è ipotizzato che, aiutando a difendere la prole del Parachromis dovii, c'è una maggiore possibilità che poi gli adulti mangino più Hypsophrys nematopus.
La riproduzione è facile ma considerando che non è facile distinguere i sessi è meglio far formare una coppia affiatata in un gruppo di 6 / 8 giovani individui.
La deposizione avviene in una grotta e le uova non sono adesive ma cadono liberamente sul fondo; è quindi meglio arredare la vasca di riproduzione con un vasetto di terracotta posto in una posizione leggermente rialzata per non far fuoriuscire le uova appena deposte; le uova si schiudono in 4 o 5 giorni e per i primi 8 giorni gli avannotti devono riassorbire il sacco vitellino; è la femmina che durante questo periodo, all'interno della grotta, si prende cura della covata mentre il maschio pattuglia il territorio esterno; quando gli avannotti nuotano liberamente la femmina li accompagna fuori e solo allora entrambi i genitori li accudiscono; appena escono fuori dal nido i piccoli possono essere nutriti con naupli di artemia salina o con mangimi secchi molto fini.
In definitiva è un pesce molto consigliato anche all'acquariofilo neofita alle sue prime esperienze.

Hypsophrys Nicaraguensis

Amatitlania Siquia

Amphilophus Citrinellus

Krobia Guianensis

Panaque Armbrusteri

Parachromis Dovii
Indice dei Pesci di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster