PESCI
DI ACQUA DOLCE TROPICALE

Nomenclatura binomiale
Dawkinsia arulius
Barbus arulius, Puntius arulius, Capoeta arulius
Nome comune
Barbo dalle pinne lunghe
Longfin barb
Dimensione
Massima in natura 12 cm
In acquario 3 / 6 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 20° / 26° C
Durezza: 5° / 15° dGh
PH: 6 / 6,5
Allevamento e compatibilità in acquario
Cipriniforme di medie dimensioni, appartenente alla famiglia dei Cyprinidae; è originario del bacino del fiume Kavery, nell'India meridionale.
E' un pesce dalla recente riclassificazione in quanto, sino a poco tempo or sono, venivano compresi in questa specie anche gli esemplari di Dawkinsia tambraparniei; solo nel 2012 il naturalista indiano Rohan David Pethiyagoda ha stabilito definitivamente la nuova classificazione della specie.
Il Dawkinsia arulius presenta un corpo ovoidale, abbastanza allungato e compresso lateralmente; la testa è piccola, la bocca, protrattile e con le labbra carnose, è in posizione terminale, leggermente orientata verso l'alto e priva di denti; all'interno della cavità orale sono presenti due ossa falciformi, dette denti faringei, munite di numerose protuberanze ossee adattate alla masticazione; la bocca è affiancata da un paio di corti bargigli mascellari; il peduncolo caudale è ben distinto.
La pinna dorsale, di forma trapezoidale e sostenuta da 3 spine rigide e da 8 o 9 raggi molli, è posta al centro del dorso e termina con un lobo posteriore allungato; la pinna anale, triangolare e sostenuta a sua volta da 2 spine rigide e da 5 raggi molli, è posta molto indietro sul ventre; le spine rigide della pinna anale sono molto più lunghe dei raggi molli successivi; le pinne vetrali sono poste in corrispondenza della pinna dorsale; la pinna caudale, dalla larga forma a delta, ha il margine posteriore fortemente inciso e diviso in due lobi dagli apici appena arrotondati; le pinne pettorali, dalla forma triangolare, sono lunghe e sottili.
Molto simile al Dawkinsia tambraparniei; se ne distingue per i bargigli mascellari più corti e per l'assenza, negli esemplari di sesso maschile, delle estensioni filamentose dei raggi della pinna dorsale.
La livrea è abbastanza colorata; il fianco è di un giallo crema con riflessi di color verde bottiglia; il dorso è leggermente più scuro, mentre il ventre è di color grigio argento con riflessi rosati e numerosi puntini rossi; sul fianco vi sono tre evidenti macchie scure, di color nero o verde scuro, le prime due a forma di sella mentre la terza occupa tutta la parte finale del peduncolo caudale; la pinna caudale e quella anale hanno una colorazione rossastra, mentre le altre pinne sono semi-trasparenti.
Vi è un leggero dimorfismo tra gli esemplari di sesso maschile, leggermente più grandi e colorati, e quelli di sesso femminile, più piccoli e meno colorati.
Pesce molto vivace e socievole, deve vivere in branchi numerosi; è compatibile con i pesci di tutte le razze purchè di adeguate dimensioni.
Buon nuotatore; ha bisogno di un acquario con rocce, legni di torbiera, piante robuste e molto spazio libero per nuotare; è consigliabile provvedere ad un energico movimento dell'acqua ottenuto mediante l'uso delle apposite pompe di movimento.
A differenza di altri ciprinidi è estremamante delicato, necessita di acqua particolarmente pulita ed ossigenata; è necessario un potente sistema di filtraggio e regolari cambi dell'acqua preceduti da un'accurata sifonatura del fondo.
Onnivoro sia in natura che in acquario; accetta qualsiasi tipo di mangime sia surgelato e liofilizzato che mangime secco in scaglie o in granuli.
La riproduzione in acquario è relativamente facile, considerando le condizioni dell'acqua e le dimensioni degli esemplari adulti; non appena si vede, dal corteggiamento, che si è formata una coppia, occorre predisporre una apposita vasca, riempita con non più di dieci centimetri di acqua, presa preferibilmente dall'acquario, come arredamento basta qualche filo di Ceratophyllum Demersum; sul fondo va disposta una griglia a maglie sottili oppure uno strato delle apposite bilie di vetro per riparare le uova che, altrimenti, verrebbero mangiate dagli stessi genitori; come sistema di filtraggio basta un piccolo filtro con una spugna sintetica; i valori dell'acqua dovrebbero essere: temperatura intorno ai 24° / 26°, durezza 5° / 7° dGh ed il PH 6 / 6,5 .
Appena finita la deposizione vanno allontanati i genitori e cambiata gran parte dell'acqua; dopo 20 / 24 ore avviene la schiusa delle uova e dopo due o tre giorni gli avannotti hanno riassorbito il sacco vitellino e nuotano liberamente, solo ora possono essere nutriti con naupli di artemia salina o di Cyclops fatti dischiudere apposta; quando avranno raggiunto una dimensione di 2 / 3 cm potranno essere nutriti come gli adulti.

Dawkinsia Assimilis

Dawkinsia Filamentosa

Dawkinsia Rohani

Dawkinsia Tambraparniei

Danio Kyathit

Danio Margaritatus
Indice dei Pesci di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster