PESCI
DI ACQUA DOLCE TROPICALE


Nomenclatura binomiale
Crenicichla saxatilis
Nome comune
Ciclide-luccio a punti bianchi
White-spotted pike cichlid, ringtail pike cichlid
Dimensione
Massima in natura 20 cm
In acquario 8 / 15 cm
Valori dell'acqua
Temperatura: 24° / 28° C
Durezza: 8° / 15° dGh
PH: 6,5 / 7,5
Allevamento e compatibilità in acquario
Perciforme di medie dimensioni, appartenente alla famiglia dei Cichlidae, è originario dell'America del Sud; bacino imbrifero dell'alto corso del Rio delle Amazzoni, in Brasile e Perù; fiumi della zona costiera, in Suriname, Guyana Francese, Guyana, Venezuela e nel'Isola di Trinidad.
Presenta un corpo robusto, fusiforme, molto allungato e abbastanza compresso lateralmente; la testa, grande, piatta ed appuntita, occupa tutta la parte anteriore del corpo; sulla testa sono presenti un paio di narici che non hanno funzione respiratoria ma olfattiva; gli occhi, relativamente piccoli e poco prominenti, sono posti molto in avanti ed hanno la pupilla ovale; la bocca, appuntita, protrattile e con le labbra carnose, è posta in posizione terminale ed è leggermente orientata verso l'alto; la mandibola inferiore sporge leggermente rispetto alla mascella superiore; all'interno della cavità orale sono presenti ulteriori mandibole faringee, di forma triangolare e dotate di denti robusti ed appuntiti; la disposizione dei muscoli della masticazione permette di muovere indipendentemente le doppie mandibole per masticare il cibo, spesso troppo grande per essere ingoiato in un unico boccone; questa conformazione determina lo strano modo di mangiare del pesce che sembra sempre sul punto di risputare il cibo mentre, invece, lo passa semplicemente da una serie di mandibole all'altra; l'opercolo branchiale, molto ampio, è dotato di un piccolo preopercolo articolato; la linea laterale è divisa in due porzioni, con la branca anteriore, sinusoidale, posta più in alto di quella posteriore; il peduncolo caudale è ben distinto.
La pinna dorsale, trapezoidale e sostenuta da 17 spine rigide e da 13 raggi molli, inizia a livello del margine dell'opercolo branchiale e termina con un lobo posteriore dall'apice appuntito e rialzato; le spine rigide non sono completamente ricoperte dalla membrana interradiale e danno alla pinna un aspetto seghettato; la pinna anale, sostenuta da 4 spine rigide e da 8 raggi molli, è posta molto indietro e termina con un lungo lobo posteriore dall'apice appuntito; le prime 3 spine sono separate le une dalle altre e più corte delle successive; la pinna caudale, dalla larga forma a delta ha il margine molto arrotondato; sia le pinne ventrali, di forma triangolare e quelle ventrali, trapezoidali, sono in posizione giugulare, molto vicino al margine inferiore dell'opercolo branchiale.
La livrea è molto particolare: il colore di base è un grigio argento, con il dorso di color verde oliva; l'iride è di color rosso; dalla bocca sino alla fine della pinna caudale si estende una barra longitudinale, di colore scuro ed orlata di bianco sulla parte anteriore che passa sopra l'occhio; negli individui giovani da questa linea si dipartono 12 o 13 barre trasversali che negli adulti compaiono solo quando sono spaventati; in posizione omerale, appena oltre l'apice superiore dell'opercolo branchiale, è presente una macchia nera, orlata di bianco mentre alla fine del peduncolo caudale è presente un anello di color bianco; su tutto il fianco sono presenti numerosi puntini di color bianco; le pinne sono semi-trasparenti con leggeri riflessi arancioni.
Vi sono notevoli differenze tra la livrea degli esemplari di sesso maschile e quelli di sesso femminile; quest'ultimi, oltre ad essere leggermente più piccoli e con il ventre leggermente più grosso, hanno sul fianco solo alcuni puntini bianchi; una grossa banda longitudinale, di color bianco e con alcune grosse macchie nere, copre il margine distale della pinna dorsale mentre il ventre è colorato di un rosso acceso.
Pesce molto robusto, intelligente e longevo, purtroppo è molto aggressivo, specialmente nel periodo della riproduzione; non è assolutamente adatto alla convivenza con pesci piccoli e pacifici e spesso attacca anche pesci più grandi di lui; presenta anche una spiccata territorialità interspecifica.
La soluzione migliore è allevare una coppia in una vasca molto grande, con un fondale composto da grossi ciotoli, in quanto ha il vizio di smuovere continuamente il fondo e di rovinare le piante; è meglio inserire come arredamento soltanto grossi legni di torbiera, rocce e poche piante robuste; volendo si possono inserire uno o più grossi loricaridi corazzati come Platydoras armatulus, Panaque nigrolineatus, Panaque suttoni, Panaque armbrusteri, Hypostomus plecostomus, Hypostomus punctatus.
In natura è carnivoro; si nutre di piccoli pesci e di tutta fauna che trova, insetti, vermi, crostacei, molluschi, uova ed avannotti di altri pesci.
In acquario è praticamente onnivoro, preferisce mangime surgelato, artemia, chironomus, se di grossa taglia accetta anche polpa di cozze, pesciolini o gamberetti surgelati; accetta volentieri anche mangimi liofilizzati oppure mangimi secchi in grossi granuli o in scaglie; è consigliato somministrare mangimi studiati per intensificare i colori.
Poco esigente per quanto riguarda le caratteristiche chimico-fisiche dell'acqua dell'acquario; dato il suo appetito smodato occorre dotare la vasca di un potente sistema di filtraggio e fare frequenti ed abbondanti cambi dell'acqua preceduti da un'accurata sifonatura del fondo; sono inoltre consigliati regolari trattamenti con ozono ed aggiunte settimanali di Oligoelementi e Bioelementi.
La riproduzione è possibile in una vasca appositamente dedicata, di grande capacità, dotata di un potente filtraggio ed arredata con un poco di ghiaietto grossolano, rocce, legni di torbiera e qualche vasetto di terracotta; anche se è facile determinare il sesso di questi grossi pesci è comunque meglio far formare una coppia affiatata in un gruppo di 5 o 6 giovani esemplari.
Dopo intensi giochi d'amore, in cui entrambi i riproduttori mostrano i loro colori più belli la femmina depone le uova adesive e di color ambra sul soffitto di una grotta; il maschio immediatamente dopo le feconda; terminata la deposizione la femmina si impegna a ventilare le uova con le pinne pettorali mentre il maschi controlla il territorio.
Le uova si schiudono dopo circa 48 ore e le larve sono trasportate dai genitori in una piccola buca, scavata nel fondale, in cui rimangono per altri 4-5 giorni, fino a quando non sono in grado di nuotare liberamente; solo ora si possono somministrare naupli di artemia salina fatti appositamente dischiudere; i genitori seguono con attenzione i piccoli avannotti ancora per qualche settimana.
In definitiva è un pesce robusto, poco esigente e molto adatto all'acquario di un neofita alle sue prime esperienze; l'unica avvertenza è quella di dotare la vasca di un coperchio di vetro o di una rete a maglie sottili in quanto hanno il vizio di saltare fuori dall'acqua.

Platydoras Armatulus

Panaque Nigrolineatus

Panaque Suttoni

Panaque Armbrusteri

Hypostomus Plecostomus

Hypostomus Punctatus
Indice dei Pesci di Acqua Dolce Tropicale
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster