INVERTEBRATI
MARINI TROPICALI




Nomenclatura binomiale
Ricordea yuma
Actinodiscus yuma, Discosoma yuma
Nome comune
Corallo a fungo
Pacific mushrooms, Christmas ricordea
Dimensione
Massima in natura 10 cm
In acquario 5 / 8 cm
Valori dell'acqua
Temp. 24° / 27° C
Densità 1022 / 1024
PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Antozoo ermatipico, solitario o gregario, dell'ordine dei Corallimorpharia, famiglia delle Ricordeidae; proviene dall'Oceano Indiano occidentale e dall'Oceano Pacifico occidentale: Mar Rosso, Tanzania, Singapore, Bali, Filippine.
Sessile e completamente privo di un sostegno scheletrico, si fissa su di un sostegno inerte, quale una roccia o una madrepora morta, mediante un piccolo disco adesivo, detto piede, dal quale si solleva un corto corpo cilindrico, detto colonna, formato da due strati di tessuto epiteliale, lo strato interno è detto Endoderma mentre quello esterno è detto Ectoderma; tra i due strati epiteliali è presente uno strato intermedio, gelatinoso, detto mesoglea; dalla parte della colonna opposta al piede si trova una piccola cupola in cui si apre l'apertura orale, circondata da un disco carnoso di grosse dimensioni; l'apertura orale comunica con l'unica cavità gastrovascolare interna, detta Celenteron, che assolve alle due funzioni di assorbimento degli alimenti e di scambio gassoso per la respirazione; sia la cupola che circonda l'apertura orale che il disco periorale sono coperti da una moltitudine di corti tentacoli bulbosi; i tentacoli sono molto urticanti in quanto fittamente ricoperti da organi, detti Cnidoblasti; al contrario di molti altri Antozoi, i tentacoli del disco periorale non possono ritrarsi nella mesoglea.
La Ricordea yuma è molto colorata e molto decorativa in quanto sia il disco carnoso che i tentacoli contengono moltissime alghe simbionti, del genere Zooxanthellae; la cupola in cui si apre l'apertura orale ed il disco carnoso periorale sono generalmente di un colore sul verde scuro o violetto mentre i tentacoli sono colorati di verde brillante, azzurro, giallo, rosso o viola; alcuni esemplari presentano dei pigmenti che reagiscono alla luce UV.
Il Zooxanthella, è un genere di microscopiche alghe unicellulari, comunemente denominate zooxantelle, che vivono in simbiosi con i polipi delle Ricordeidae e con altre specie di invertebrati marini (Acropore, Alcyoniidae, Merulinidae, Pocilloporidae, Tridacna); esse, come tutti gli organismi vegetali, assorbono l'anidride carbonica ed i sali minerali e, grazie alla luce solare, li trasformano in numerose sostanze nutritive che vengono successivamente cedute all'organismo che le ospita; in questo modo la Ricordea yuma che ospita le zooxantelle riceve una parte del nutrimento che gli occorre dalla simbiosi.
La Ricordea yuma è molto simile, come aspetto, alla Ricordea floridae dalla quale si distingue per la conformazione della cupola orale che è più grande e, presentando numerosi tentacoli sulla superficie esterna, risulta coperta e meno evidente.
Meno robusto dei simili Discosomidi è abbastanza adatto all'acquario di barriera in convivenza con tutti gli altri invertebrati, sessili e non, e di pesci di piccola o media grandezza, ma non con Balistidi o Cantigaster che potrebbero sbocconcellarne il disco periorale.
Alcune volte la Ricordea yuma può ospitare dei gamberetti del genere Periclimenes.
Preferisce essere sistemato in un luogo molto illuminato, con lampade fluorescenti lineari di luce di temperatura di 10.000K. ed oltre, se si usano lampade HQI occorre posizionarla in un luogo non direttamente esposto; gradice che nell'acquario ci siano correnti variabili in intensità e direzione, ottenute con l'uso delle Pompe di Movimento e di un apposito programmatore, ma mai troppo turbolente in quanto protrebbero strappare i delicati polipi dalla roccia su chi si sono abbarbicati.
Antozoo ermatipico, trae il suo sostentamento quasi esclusivamente dalla alghe simbionti, Zooxantelle, che prolificano abbondantemente sul disco periorale e sui tentacoli presenti intorno all'apertura orale; per questo motivo, in acquario, rimane piuttosto delicato e di difficile allevamento, è, comunque, possibile provare ad integrare la dieta con qualche artemia surgelata posizionata sul disco prima di spegnere le luci.
Antozoo abbastanza resistente e facile ad acclimatarsi, non ha particolari esigenze per quanto riguarda i valori chimici e fisici dell'acqua che deve essere solo ben ossigenata e filtrata, meglio se tramite un Filtro Esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno quattro volte la capacità dell'acquario.
E' molto consigliabile preparare l'acqua dell'acquario con Sali Marini sintetici di ottima qualità, il costo superiore verrà ammortizzato in poco tempo, effettuare abbondanti cambi parziali, preceduti da un'accurata sifonatura del fondo, ed aggiunte settimanali di Oligoelementi e Bioelementi; sono essenziali anche aggiunte di integratori di Iodio e Magnesio.
Per mantenere i nostri ospiti in perfetta salute è meglio effettuare regolari trattamenti con un Ozonizzatore di adeguata portata, meglio se effettuati all'interno di un'apposito Schiumatoio, che aiuta a ridurre la naturale produzione di fosfati e nitrati effettuata dai batteri aerobici del filtro.
Per tutti questi motivi non dovrebbe essere presente nell'acquario di invertebrati del principiante ma solo in quello in quello di un più esperto acquariofilo.
Se le condizioni ambientali dell'acquario sono perfette si possono riprodurre per gemmazione del singolo individuo; la gemmazione inizia con la formazione di una nuova apertura orale e poi continua con la divisione della colonna e del disco periorale; una volta formatosi il nuovo individuo tente a spostarsi leggermente dal vecchio facendo forza sul piede adesivo, in modo da poter esporre tutto il disco periorale alla luce.

Ricordea Floriadae

Discosoma Carlgreni

Rhodactis Bryoides

Amphiprion Akallopisos

Amphiprion Bicinctus

Dascyllus Trimaculatus
Indice degli Invertebrati Marini Tropicali
Privacy Police
© 2000 - 2021 Claudio Dionisi
@ Webmaster