ABITUDINI E COMPATIBILITA'
INVERTEBRATI MARINI TROPICALI
Spiegazione dei pittogrammi presenti nelle schede
Comportamento generale
Invertebrato pacifico che non disturba i pesci della vasca
Invertebrato aggressivo o comunque pericoloso per i pesci dell'acquario, che può anche ferire od uccidere.
Comportamento verso gli altri invertebrati, specialmente se sessili
Invertebrato che non reca danno agli altri invertebrati dell'ambientazione; da allevare in una vasca di comunità.
Invertebrato mobile che danneggia, anche gravemente, gli altri invertebrati; da allevare in una vasca dedicata.
Invertebrato sessile fortemente urticante che danneggia, anche gravemente, gli altri invertebrati; da allevare in una vasca di comunità ma lontano dagli altri invertebrati.
Esigenze di alimentazione
Invertebrato che può essere nutrito con il normale mangime secco per pesci d'acquario.
Invertebrato che necessita di mangime surgelato, preferibilmente chironomus, artemia salina, krill oppure piccoli pesci e polpa di cozza secondo le dimensioni.
Invertebrato che necessita di mangime finissimo, plancton liofilizato o surgelato fatto scongelare qualche minuto prima della somministrazione con un poco di acqua dell'acquario e somministrato con una pipetta.
Invertebrato molto selettivo che necessita di mangime particolare; per questo motivo è di difficile allevamento in acquario.
Esigenze di illuminazione
Invertebrato con poche esigenze in fatto di illuminazione; se sessile può essere tranquillamente sistemata nelle zone di ombra dell'acquario.
Invertebrato con normali esigenze di illuminazione; da sistemare, se sessile, senza particolari accortezze, ovunque nella vasca.
Invertebrato ermatipico che ha bisogno di una forte illuminazione per costruire il suo massiccio scheletro calcareo; da sistemare direttamente sotto lampade potenti.
Indice degli Invertebrati Marini Tropicali